La mia prima volta

Ebbene sì quest’anno, per la prima volta nella mia vita, sarò rappresentante dei genitori.
C’ho messo sedici anni a formulare sta scelta, non vi dico la serata della riunione dove gli altri genitori si accapigliavano per prendersi per primi la penna, onde evitare il ripensamento della candidatura.

Metà ha votato me, l’altra metà ha votato per l’altro povero cristiano che con me s’è immolato per questa ‘buona causa’ che ad inizio di ogni anno scolastico vede i genitori mettere in campo  mille manovre per schivarla. E di brutto.

Abbiamo ottenuto, io e l’altro genitore, un plebiscito. Scusate eh, ma io di sta cosa ne vado fiera, adoro le spaccature. Glissiamo che sto giro è stata una cosa forzata, il bello è stato vedere scomparire in fretta e furia ipotetici rosari che gli altri sgranavano quando è stata formulata la domanda “chi lo fa quest’anno?”.
Adorabile vedere gli sguardi incollati ad osservare la minima crepa sui muri, notare come mai non si fosse vista l’enorme lim (lavagna interattiva multimediale.. lo specifico che poi vi fissate a chiedere) che prende la sua grande fetta di parete.

Sì dai, un po’ me la sono goduta. Perché ero già entrata all’inizio della riunione sapendo che mi sarei proposta, perché incanalata in questo ‘compito’ da mio figlio che, altrettanto generosamente (ma quando mai), quest’anno s’è fatto rieleggere rappresentante di classe.

No, non siamo sindacalisti, lo facciamo perché va fatto, così è stabilito.
Sebbene io ritenga corretto le figure dei rappresentanti di classe (ovvero ben venga un ulteriore e preciso e puntuale ragguaglio tra studenti e docenti), trovo inutile quello dei genitori.

Ma inutile non perché non serva, anzi. Ma non saranno i 3/4 appuntamenti all’anno che potrà delineare o riportare l’andamento o il comportamento della classe ai noi genitori.
Per questo ci sono così tante e semplici modalità, esempio parlare (punzecchiare il proprio figlio), controllare il registro elettronico (dio lodi sto grande fratello che mi evita non pochi impicci e sono aggiornata sull’andamento di mio figlio, non della classe ovviamente).
E infine i colloqui genitori/docenti: lì hai il polso della situazione, lì sai come e quando agire.

Detto ciò, tornando un po’ seria, ma secondo voi che non me la merito una pacca sulla spalla?

Sempre e fiduciosamente, La Sola e Vostra.

 

pv

Annunci

29 pensieri riguardo “La mia prima volta

  1. Tu finché continuerai a lordare quella bocca meravigliosa con quelle schifosissime sigarette meriteresti solo pernacchie. ecco.

    Io l’ho schivata quest’anno. S’è fatta eleggere la moglie.
    Al massimo, per far promuovere il piccolo, ho fatto parte dei pittori che hanno ritinteggiato la scuola. “Diglielo alle maestre eh! Papà è quello che ha fatto belle le aule”.

    Mi piace

    1. Prossimo anno ti devi fare eleggere, non hai più scuse!

      A proposito, quando passi per casa mia dare una mano di bianco?
      Sul discorso sigarette, glisso magnificamente, potrei smettere solo se mi offri sto benedetto caffè 😛

      Mi piace

    1. Seee… e non hai visto bicchieri nella notte…
      Mo’ hai capito perchè i maschi fanno più incidenti? Perchè dovemo evità tutte ‘ste donne…

      Mi piace

    2. ma se manco ho finito il trasloco a casa mia, dopo essermi tinteggiato (da solo) 135mq. Ma che davèro davèro?
      siete senza cuore.

      Mi piace

    3. viperello…. ti sbagli, io e Fedifrago n’è che siamo senza cuore, ma quando vediamo del talento lo investiamo, tutto qua. E serve nemmeno ci dici grazie 😛

      viperello.. ma lo sai che lo dico ma non lo penso, ciccino caro 😀

      Mi piace

    4. Fedifrago… io per il cinema e compagnia bella son negata, fatico a non comfondere De Niro con Hoffman.. fai te 😦

      ah bhe, conosco (per quel poco che tiene il mio passato) bene le tattiche, ora capisci bene perché ti seguo: perché non potrei mai essere un’infoiata della rete, avendo un po’ messo il nasino 😛

      Mi piace

    5. Letteralmente è briscola, e per restare in tema si può dire che la moglie slava abbia fatto briscola facendosi trombare da Trump.
      In slang UK, non so se anche negli USA, trump è anche peto (scorreggia, per i politicamente scorretti come me)

      Mi piace

  2. Ti vi vedo bene…. Giusta…diretta ma diplomatica (ehmmm si si quando serve lo sei), all’occorrenza un cacaca… come nessuna. Ora chiede al pargolo se mi registra la prossima riuinione di classe :p

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...