Il patibolo dell’umanità

Credere nell’umanità è la pratica meno diffusa mentre la condanni alla sua esecuzione.
Si contorce l’uomo, mangiando se stesso, pur con fare vittorioso sale quei gradini che lo conducono sul palco macchiato del suo stesso sangue.
Si esalta nel suo pubblico ammassato di sotto, con la lingua di fuori a raccogliere le gocce di sangue che filtrano al di sotto del palco.
E’ solo questo l’uomo? Vincitore nella sconfitta di un se stesso?

Come giudicate la morbosità della quale siamo tutti vittime?
Non so voi, ma quanto spesso e volentieri ho bisogno delle chiacchiere altrui per non pensare ai miei problemi. E il mio pormi con attenzione ai problemi altrui non fa scattare alcuna empatia, non registro né annoto nomi e situazioni.
La condanna peggiore è usare le vite altrui mentre vivi la tua, quasi a nasconderla a te stessa, più che agli altri.

E’ la paura del ridicolo che mi fa stare in difensiva nelle emozioni, paura della fregatura che ritengo scontata.
E’ l’egoismo atavico che non riesco mai a soffocare del tutto, senza voler nulla togliere agli altri, ma nulla concedendo.
Vivere la vita come fosse il gioco delle tre carte, in odore di imbroglio, con qualche complice inconsapevole che mi fa da spalla.
Sapendo che hai poco da barare, perché hai poca posta da giocarti. Eppure lo tenti ogni volta il bluff, spacciando una grandezza che non hai.

 

 

Annunci

9 pensieri riguardo “Il patibolo dell’umanità

    1. Grazie 🙂
      Smettere di mentirsi? Più facile da dire che da fare, anche se man mano che avanza l’età mi concedo sprazzi di verità.
      E sti cazzi no? 🙂

      Mi piace

    1. Il fatto, mia cara, è che tu sei figa davvero.
      E se limiti figa al mero aspetto fisico ti piglio a capocciate sul naso.

      Sai come si dice, no? Finché ti morde il lupo va bene, è quando ti morde la pecora che ti rode davvero.
      Insomma ad ogni paragrafo m’aspettavo l’indicazione della citazione. L’avrà presa da chissà chi sta roba.
      E invece no, tutta roba tua neh?
      Quindi finché mi martello i testicoli io ok, tu invece non ne hai facoltà (per i tuoi intendo, i miei sono sempre sul vassoio)

      Mi piace

    2. sto ancora riflettendo se mi stai adulando o meno 😛
      ma tranquillo, scrivo in questa modalità solo quando non ho veramente il cervello connesso al cuore, ma lavora di brutto di suo 😛
      quindi nessuna citazione, solo ispirazione alla mia vita personale.

      per inciso, noi donne non saremo munite di testicoli in senso letterario, ma..

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...