Tag

, ,

Di attesa. Non propriamente paziente.

Rewind

maggio 2008 – durante un corso di aggiornamento di lavoro, il tipo che sta seduto a fianco a me mi passa una chiavetta Usb. Con un occhio sto sul relatore, che parla di casistiche e metodologie per esclusione da gare pubbliche. L’altro occhio controlla la mia mano che afferra la chiavetta, la inserisce sul pc. L’ho fatto convinta di trovare le dispense del corso, invece trovo file mp3. Guardo il tipo, non capendo, lui col ditino sposta il mouse su un file.

Questo

Amore a primo ascolto.

2015 –  finalmente, dopo aver ascoltato tutti i suoi album, aver letto le traduzioni dei testi, sognato a occhi aperti-chiusi sulle sue canzoni, usando le stesse come muro sonoro contro i miei pensieri … finalmente, lo vedrò dal vivo. Manca relativa poco, rispetto a questi sette anni di attesa. Ne ho di concerti alle spalle e di tutt’altro (e pesante) genere. Ma lui è il mio paradosso musicale. La voce che fa parlare un’anima. Anche la mia.

Annunci